Voci del Mediterraneo

Guarda il video.

Ecco l’immagine scolastica del Mediterraneo come culla originaria della cultura europea: un poeta greco che pizzica le corde della sua lira su una sponda del mare Egeo, intonando i primi versi dell’Iliade. Dietro questa immagine si cela una costellazione di storie decisamente più confuse, ma anche assai più ricche.

 […]

La dinamicità di una visione marina ci costringe a cambiare continuamente le rotte e a prendere la misura degli attraversamenti,degli incontri e degli incidenti mutevoli che il viaggiare per mare comporta. Il mondo, visto dal ponte sospeso della storia, può apparire un posto molto diverso […].

Qui, negli abissi marini, è depositata una soluzione: le tracce e gli intrecci di storie e di vite diverse tenute in una sospensione in mezzo alla quale oggi facciamo la spola quotidianamente.

                                                                                                Iain Chambers, Le molte voci del Mediterraneo, 2007